Perché i prodotti per eliminare il calcare sono come la realtà virtuale.

Perché i prodotti per eliminare il calcare sono come la realtà virtuale.

 

realta virtuale

 

Sicuramente te ne sei accorto anche tu, ma siamo tutti i giorni e tutto il giorno bombardati da pubblicità.

 

Guardiamo un po’ di televisione dopo una lunga giornata di lavoro? Pubblicità

Entriamo sui nostri social preferiti per dare un’occhiata a cosa hanno condiviso i nostri amici?Pubblicità

 

E guardando queste pubblicità, diventiamo sempre più spesso vittime di quella che ci viene presentata come la vita perfetta.

 

Abbiamo i capelli ricci? Usa questo shampoo e diventeranno lisci.

Abbiamo i capelli lisci…? Usa questa crema per capelli e diventeranno ricci come quelli di Shirley Temple.

 

Qualsiasi cosa, prodotto e quant’altro ci vengono presentati come la “cura” o la soluzione facile e a portata di mano (e di portafoglio) a tutte le nostre esigenze.

 

Quante volte sei uscito a comprare quel prodotto oppure quella pasticchetta che avrebbe dovuto risolvere “Quel Problema” per poi renderti conto che non è tutto così bello e luccicante come te lo avevano descritto in pubblicità?

 

La stessa cosa succede anche quando abiti in una zona dove l’acqua è dura.

 

Sei stanco di vedere tutti quei brutti aloni sulle rubinetterie e sui sanitari e guardando le varie pubblicità sei spinto ad andare al supermercato a comprare questo o quel prodotto magico.

 

  • Una passata ed il calcare scompare.
  • Una spruzzata e il calcare scompare.
  • Una pasticchetta ed il calcare scompare.

 

Ok, ci siamo capiti. Il Calcare scompare.

 

La verità nuda e cruda è che il calcare non scompare proprio per niente.

 

Quello che scompare è solo il risultato e gli effetti che ha il calcare e che vedi tutti i giorni.

 

Certo, se hai l’acqua dura ed un lavello di acciaio devi per forza usare un prodotto aggressivo per rimuoverlo. Sicuramente quei brutti aloni scompaiono.

 

Sicuramente quelle macchie marroni dai tuoi sanitari (wc, bidet, eccetera) scompaiono e non hai più la sensazione di entrare nel peggior bagno pubblico ogni volta che ti scappa.

 

Ma non hai eliminato il Problema.

Stai solo eliminando il sintomo.

 

È come se hai il mal di denti perché hai una carie profonda e prendi un antidolorifico.

Il dolore passa per ritornare come e più forte di prima.

 

Fino a quando? Fino a quando non andrai dal tuo dentista e ti farai curare quella carie.

 

Se non lo fai, appena finisce l’effetto della pasticchetta che hai buttato giù, sarai punto e a capo.

 

La stessa cosa avviene per il calcare. LA pasticchetta ti elimina solo il dolore lì per lì.

 

Tu hai l’acqua dura

 

Puoi comprare spray detersivi e pasticchette magiche che ti porteranno per un po’ dentro ad una realtà virtuale.

 

Virtuale perché come se stessi giocando ad un video gioco, nel momento stesso in cui ti scolleghi, torni a quella che è la tua vera vita.

 

Quando passa l’effetto dello spray… torni alla tua vita vera.

 

Quando hai il calcare in casa, non ci sono rimedi definitivi venduti al supermercato, ma devi deciderti una volta per tutte a prendere il toro per le corna e ad affrontare il problema una volta per tutte.

 

Come ti decidi una buona volta ad andare dal tuo dentista a curarti la carie, così devi deciderti una buona volta a “Curare” il calcare in casa tua.

 

 

Cosa vuol dire Curare il Calcare?

 

 

Vuol dire che tu… una volta per tutte… devi deciderti ad eliminare la CAUSA del problema, e non solo gli effetti.

 

Come già detto e ripetuto in tanti altri articoli, quello che tutti i giorni hai davanti agli occhi, è solo la punta dell’iceberg del problema.

 

Se quotidianamente sei costretto ad usare dei prodotti specifici per far brillare le superfici di casa tua (lavandino, lavello, rubinetteria, cabina doccia… eccetera, eccetera) allora vuol dire che sotto la superficie, il problema è ancora più grave.

 

Se fuori sei impegnato a mascherare il problema, sotto i pavimenti di casa e dentro ai muri come credi che possano stare tutti quei tubi che corrono in lungo ed in largo per tutta la tua abitazione?

 

Se appena fai asciugare un attimo quel velo di acqua, sei costretto a dover strofinare e strofinare con prodotti aggressivi… come pensi che stanno i tubi che all’interno contengono TUTTA quell’acqua dura e da dove passa tutta quell’acqua e quel calcare che ti fa tanto disperare?

 

Male. Te lo dico io e senza mezzi termini. Stanno male.

 

Adesso tu hai a disposizione tre scelte:

 

1.Continui a vivere la TUA REALTÀ’ VIRTUALE

 

Sì, continui a vivere nella tua realtà virtuale fatta di soluzioni facili ed economiche (mica tanto se fai il conto) che acquisti ogni volta che vai al supermercato e che senza nemmeno più pensarci … butti nel carrello mentre passi dalla corsia dei detergenti per casa.

 

Così facendo la tua “Carie” diventerà sempre più profonda e alla fine sarai costretto a togliere il dente. Nel nostro caso, vuol dire che sarai costretto prima o poi a dover rifare COMPLETAMENTE l’impianto idraulico di casa.

 

Perché dico completamente? Ti starai chiedendo: “Perché se si rompe un tubo dovrei rifare tutto l’impianto?”

 

tubo acqua rottoPer il semplice motivo che quando accadrà, ti renderai conto (e se non lo fai da solo ci sarà il tuo idraulico a farti rimettere i piedi per terra) che se OGGI si è rotto un tubo, la stessa sorte toccherà al resto dell’impianto nel brevissimo tempo.

 

Quindi che pensi di fare? Pensi davvero di chiamare idraulico, muratore ed imbianchino per poi ritrovarti a dover ricominciare dopo qualche settimana/mese?

 

In questo caso, se decidi di restare collegato al tuo mondo virtuale, mettiti in testa che non si tratta di SE succederà… ma di QUANDO succederà… perché prima o poi succederà!

 

E anche se tu avrai speso un sacco di soldi ed avrai acquistato i prodotti più innovativi e “magici” per pulire il calcare dalle superfici di casa, dovrai presto frugarti nelle tasche e sborsare un bel po’ di soldini per sistemare il problema.

 

 

2- Ti decidi a fare qualcosa e cominci a cercare una soluzione

 

 

Ora, in questo caso potresti chiedere al tuo idraulico, a qualcuno che ha già affrontato il problema prima di te, o addirittura puoi cominciare a cercare su internet una soluzione.

 

Anche qua il discorso sarebbe lungo, talmente lungo che ci ho scritto ben due capitoli del mio libro dove spiego nei minimi dettagli quello che è solitamente il processo che vivrai. Passo per passo.

 

Quindi qui… adesso… riassumo brevemente e ti dico che puoi fare (e sicuramente farai) una o più di queste tre cose:

  1. Chiedi al tuo idraulico
  2. Chiedi ad un amico
  3. Cerchi su internet

 

Bene, ognuno di questi tre casi hanno dei vantaggi, ma anche degli svantaggi.

 

Il vantaggio è che ti senti parzialmente sicuro perché ti metti nelle mani di qualcuno di tua fiducia (altrimenti non gli chiederesti consiglio… non ti pare?).

 

Lo svantaggio principale è che ti porteranno verso una soluzione che soluzione non è.

 

Quindi tu continuerai a vivere la tua Realtà Virtuale, con la sola differenza che sarai convinto di aver finalmente risolto il problema, salvo poi renderti conto (e in quel momento fa ancora più male… credimi) che il problema non è stato per niente risolto, ma solo procrastinato… cioè… rimandato nel tempo.

 

Questo accadrà perché tutte le soluzioni che ti indicheranno verteranno verso il “Depuratore”.

 

Lo so per esperienza diretta, ormai ci sono passato moltissime volte, e non solo io, ma anche il mio socio e tutti i miei collaboratori. E’ normale che sia così, ma è anche giusto che io ti metta in guardia su quello che questo può voler dire per te, per la tua famiglia e per la risoluzione del problema per cui stai leggendo queste righe.

 

Quindi torniamo a noi e lascia che ti dica che, a parte il fatto che il Depuratore non esiste… leggi qui se vuoi approfondire il discorso, gira che ti rigira finirai per installare un Depuratore a Sale.

 

E’ quello che il 99% delle persone fa. Sono certo di quello che ti dico perché sono anni che lavoro in questo settore. Quindi alla fine, con il tuo ben pagato addolcitore a scambio ionico (questo il suo vero nome) o più comunemente chiamato Addolcitore a Sale, ti ritroverai alle prese con sacchi di sale, scarichi, bollette… eccetera, per permettergli di fare il suo lavoro.

 

Te la semplifico, il suo lavoro non è eliminare il calcare, ma LIMITARE il calcio che forma il calcare.

 

Adesso non voglio scrivere un articolo lungo millemila pagine per ripetere daccapo tutta la Rava e la Fava su cosa fa un addolcitore, come lavora, come va tarato correttamente perché i suoi effetti non facciano MALE alla SALUTE degli abitanti della casa… eccetera.

 

Ci sono articoli su articoli su questo blog che puoi leggere gratuitamente, oppure puoi prendere direttamente il libro e farti una cultura dalla A alla Z sull’argomento.

 

Sta di fatto che l’addolcitore a sale non è risolutivo, ma a fronte di:

  • Soldi spesi per l’acquisto
  • Soldi spesi per manutenerlo correttamente (fargli la manutenzione ordinaria… controlli tarature… eccetera)
  • Soldi per camparlo (acqua, sale, trasporto, fatica, tempo… eccetera)

 

alla fine ti ritrovi con due cose.

 

Prima cosa: Il calcare non è eliminato, ma solo LIMITATO (perché è questo che fa se TARATO NEL MODO GIUSTO)

 

 

I tubi di casa tua che non staranno AFFATTO meglio, ma che… anzi nel corso del tempo peggioreranno… perché quella parte residua di calcare che rimane nell’acqua continuerà ad incrostare e ad incrostare e ad incrostare sempre di più.

 

Cosicché un giorno potresti ritrovarti nella stessa situazione che avresti affrontato se non avessi installato NIENTE… solo che è passato un po’ di tempo in più.

 

Ecco che poi nascono le leggende secondo cui al problema del Calcare non c’è soluzione.

 

Vero, se seguirai questa strada, lo penserai pure tu un giorno. E lo penserei anch’io al posto tuo.

Avevi un problema che ti spingeva ad acquistare prodotti su prodotti per eliminare le brutte macchie sulle superfici di casa tua… hai preso il toro per le corna e con tua moglie hai deciso di porre fine a tutto questo, così da poter finalmente proteggerti dal pericolo di rotture sia dell’impianto idraulico che degli elettrodomestici… e poi?

 

Si rompe ugualmente? Sinceramente m’incazzerei anch’io e getterei la spugna.

 

Però io so una cosa che tu forse non sai, e non lo sai perché nessuno te lo ha detto.

 

Questo è quello che succede se installi un Addolcitore a Sale e lo tari nel GIUSTO modo, come la legge sull’acqua potabile stabilisce. Sì, perché l’acqua di casa tua è potabile e deve rimanere potabile. Per farla rimanere potabile una volta installato un addolcitore a  sale, devi tararlo e mantenerlo tarato per tutto il tempo in cui è in funzione rispettando determinati parametri.

 

Se cerchi sul blog, trovi tutto, ma se vuoi far prima, scarica il Report Gratuito “Tutta la Verità Sul Calcare” cliccando sull’immagine qui sotto e lì potrai leggere cosa e come devi fare per usare nel modo GIUSTO il tuo addolcitore.

 

 

Tutta La Verità Sul Calcare

 

 

Tutte quelle cose che leggerai, non le trovi in giro su internet né tanto meno te lo dice un tuo amico che lo ha installato prima di te (perché non lo sa nemmeno lui), né te lo dice il tuo idraulico di fiducia, a meno che non sia un idraulico con i contro coglioni e che sa di quello che parla, invece di volerti rifilare un aggeggio che nemmeno lui sa come si usa per davvero.

 

Guarda che la maggioranza degli idraulici è così… ma non per colpa loro, ma semplicemente perché nessuno lo dice e nessuno lo spiega a loro… tranne Noi quando facciamo i nostri corsi di formazione.

 

 

Seconda cosa: dovrai compare le cassette dell’acqua e stare molto attento all’acqua che usi per cucinare e per lavarti.

 

Questo si ricollega al discorso anticipato prima.

 

Se tu perdi la potabilità dell’acqua di casa tua, sarai per fora di cose costretto ad acquistare le casette dell’acqua da bere. Forse t starai dicendo “E chi se ne frega… tanto le sto già comprando”.

 

Adesso voglio innanzitutto chiederti una cosa: Perché stai comprando l’acqua in bottiglia?

 

A questa domanda potresti rispondere pressoché in due modi:

 

  1. Compro l’acqua in bottiglia perché quella del rubinetto non è sicura
  2. Compro l’acqua in bottiglia perché ha un gusto più buono

 

In entrambi i casi, devi sapere che l’acqua del tuo acquedotto, qualsiasi esso sia, ti manda a casa L’unica e VERA acqua potabile che abbiamo in Italia.

 

Non ne sei convinto? ti metto un link ad un articolo di Altroconsumo che già nel 2007 scriveva esattamente quello che ti sto dicendo.

 

Leggi QUI

 

Altra cosa importantissima che devi sapere è che se ci fossero DAVVERO dei problemi nell’acqua che ti arriva a casa, il gestore DEVE dichiararli immediatamente ed informare i cittadini.

 

Quindi, se non c’è alcun richiamo nel tuo comune, l’acqua che esce dai tuoi rubinetti è potabile e già dovresti berla sena dover andare a sobbarcarti di cassette dell’acqua in bottiglia, con tutti gli svantaggi che questa ha rispetto a quella del rubinetto.

 

Non sto ad elencarteli tutti.

 

Lo so… come dicevamo all’inizio, siamo bombardati di pubblicità dalla mattina alla sera, e le grandi aziende multinazionali dell’acqua non sono da meno… anzi.

 

A furia di essere sovraccaricati di pubblicità dell’acqua in bottiglia, siamo tutti dentro alla realtà virtuale che ci creano attorno e cresce la convinzione che per bere acqua buona dobbiamo andare al supermercato a sobbarcarci cassette su cassette di acqua in plastica.

 

Quante volte sei dovuto uscire di casa perché era “Finita l’acqua” ?

 

Comunque torniamo a noi.

 

Oggi, non avendo NESSUN trattamento CHIMICO in casa, puoi scegliere se Bere l’acqua del tuo rubinetto oppure no.

 

Se installi un addolcitore a sale, in linea teorica puoi continuare a scegliere se bere quella del rubinetto oppure no. Ma in LINEA TEORICA. Questo perché se tu installi un addolcitore a sale e lo tari nel modo giusto, di veri benefici per il calcare in realtà ne hai davvero pochissimi, ma mantieni la potabilità dell’acqua.

 

Se invece lo tari per eliminare il problema del calcare (solo quello futuro e non quello GIÀ’ presente nelle tubazioni… come abbiamo visto prima) allora nel 99% dei casi perderai la potabilità dell’acqua del tuo rubinetto.

 

Guarda che il solo fatto che tu compri le cassette dell’acqua al supermercato, mica ti mette al riparo da questo pericolo. Certo, casomai non la bevi perché la compri… ma quella che mangi?

 

  • Quella che usi per fare da mangiare… da dove esce? Dalle bottiglie di plastica?
  • Quella che usi per lavarti i denti? usi quella nelle bottiglie?
  • Quella che usi per farti la doccia, la barba … eccetera… vuoi dirmi che usi quella in bottiglia?

 

Detto questo, se tu tari nel modo SBAGLIATO l’addolcitore a sale, ti ritrovi ad avere un’acqua NON POTABILE che esce dai tuoi rubinetti.

 

Queste di seguito sono le parole  di un nostro cliente, dove racconta la sua esperienza in merito a tutto il discorso fatto.

 

Ci scrive:

 

” PER MAGIA LA MIA PRESSIONE È TORNATA A POSTO E HO TOLTO LA PASTICCHETTA “

“Circa 6 anni fa ho installato a casa mia un addolcitore a sali in quanto l’acqua qui a Fiano Romano è molto calcarea. Dopo circa un anno ho integrato il mio impianto con un depuratore a filtri per potabilizzare l’acqua.Provata e testata in effetti l’acqua era bevibile e tutti contenti in famiglia per non dover comprare più acqua in bottiglia. Siamo a circa due anni fà che per vari motivi da un controllo medico emerge che la mia pressione era alle stelle!! Motivo? non si riusciva a capire, fatto stà che ho dovuto ricorrere alla famigerata pasticca.L’anno passato ho conosciuto il sistema POSEIDON, mi ha attratto il fatto che non aveva la rottura di cambiare il sale tutte le settimane, e ho voluto provarlo. Perfetto, funzionale, un pregio che chi non lo ha non può capire!! Piccolo e non ingombrante, non consuma acqua per i lavaggi, non inquina, insomma direi che mi posso ritenere soddisfatto!! Ma la cosa che veramente mi ha fatto toccare il culmine della gioia è stato il fatto che per magia la mia pressione è tornata a POSTO!!! Tant’evvero che ho tolto la pasticca. Ed ecco risolto il dilemma! Chiaro e lampante!! Il decalcificatore a sali è vero che toglie il calcare, ma per la conversione chimica che fa con le resine ti restituisce acqua carica di sodio!! (E io bevevo quella schifezza). Il palato dopo un pò si abitua e non ti rendi neanche conto che era salata!! Dopo aver montato il POSEIDON l’acqua che bevo non solo è tornata normale da acquedotto, ma a me sembra anche più buona. Lo confermano anche amici e familiari!! Insomma mi sento veramente orgoglioso di questo prodotto che lo consiglio a chiunque abbia problemi con il calcare.Poi il fatto che lo solubilizza e quindi viene buttato via, rende l’idea che non facendo composizioni chimiche con l’acqua, la stessa che entra dall’acquedotto esce ma senza calcare, la rende veramente ottima. UN CONSIGLIO PER TUTTI coloro che hanno il famigerato problema del calcare!! Saluti Claudio”

Claudio Mazzei – Fiano Romano – Roma

 

 

Avevamo detto che avevi tre possibilità, abbiamo visto le prime due:

 

1.Continui a vivere la TUA REALTÀ’ VIRTUALE

2- Ti decidi a fare qualcosa e cominci a cercare una soluzione

 

adesso andiamo a vedere l’ultima l’ultima delle tre.

 

3- Ti affidi ad esperti del settore e elimini il calcare sena perdere la potabilità dell’acqua

 

 

Per mettere in atto questa tera possibilità, la prima cosa che devi fare è scaricare il Report Gratuito che già ti ho suggerito prima.
Tutta La Verità Sul Calcare

 

Questo prima passo serve perché tu Conosca Davvero di cosa stiamo parlando. Non è un trattato scientifico e non ci sono paroloni incomprensibili, ma se lo leggi, ti fai un’idea chiara e cristallina di quello di cui stiamo parlando.

 

Dopo aver scaricato il Report, mi scrivi su WhatsApp cliccando sul pulsantino in basso a destra (tipo quello che vedi qui sotto nell’immagine) e insieme vedremo SE e COME posso aiutarti ad eliminare il calcare, compreso liberare i tuoi tubi dalla vecchia incrostazione.

 

Non ci sono altre vie.

 

O non fai niente e giochi a Rischiatutto con la tua casa aspettando il momento in cui per fora di cose dovrai mettere pesantemente mano al portafogli per rifare completamente l’impianto idraulico di casa.

 

O ti affidi alle tre figure che abbiamo visto nell’opzione 2 (amico, idraulico, internet) e sicuramente installerai un addolcitore a sale. Piccola parentesi. Se decidi che per te l’opzione addolcitore a sale va bene, almeno fallo tarare e fatti insegnare Come si fa da chi te lo installa, e mantenilo tarato nel modo CORRETTO, per il bene tuo e della tua famiglia.

 

O ti scarichi il report, te lo leggi e poi mi contatti e risolviamo il tuo problema da professionisti.

 

Non hai altre vie per uscire dalla realtà virtuale fatta di soluzioni palliative.

 

Per adesso ti saluto e ricordati che non devi rimediare ad un problema creandone altri collaterali… forse peggiori.

 

La qualità dell’acqua di casa tua è una tua responsabilità. L’acquedotto ti garantisce sempre la potabilità fino al contatore. Da lì in poi devi essere tu a stare attento alla tua salute e a quella di chi vive con te nella tua casa.
Scarica gratuitamente…
“Tutta La Verità Sul Calcare”
clicca qui

Tutta_la_verita_parte1

Un saluto…

Save Your Mind, Castiel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Vuoi Sapere Tutto Sul Calcare?

SCARICA GRATUITAMENTE
TUTTA LA VERITA' SUL CALCARE

Tutto Quello che non Vogliono Farti Conoscere sul Trattamento dell'ACQUA
Powered by Autience

Per qualsiasi domanda, sono sempre a tua disposizione!

Chatta con me su WhatsApp