Dimenticarsi l’ammorbidente può sembrare banale ma…

Dimenticarsi l’ammorbidente può sembrare banale ma… può anche buttare all’aria i tuoi piani Puoi rimediare in modo veloce e senza più pensarci una volta per tutte

 

Ok, hai sei riuscito a fare tutto quello che dovevi fare in questa lunga giornata.

 

Sei andato a fare la spesa, hai preso tu i piccoli ed hai preparato tu la cena perché tua moglie era impegnata con una riunione a lavoro. A volte capita ed è normale.

 

Avete cenato anche se è successo un po’ di trambusto, ma poi tutto è tornato nella norma. Non ti ricordi? Se non ti torna in mente leggi qui che ti rinfreschi la memoria.

 

Comunque sia, è giusto contribuire nelle necessità quotidiane, bisogna dividersi i compiti ed è giusto così. Però adesso vuoi solo un po’ di tranquillità eppure…

 

cantNon sai come
Non sai dove
Non sai perché

 

ma c’è una legge universale che dice più o meno così “Vai sicuro che quando vuoi guardare la partita in TV, tua moglie s’incazza e la partita non la guardi!”

 

E’ una legge del cosmo… Si vede che quando trasmettono in TV qualcosa che ti piace (come il calcio) tutti i pianeti si mettono d’impegno per ostacolarti. Si allineano, si mettono in connessione con la galassia, con la parabola, la televisione, la lavatrice…. ( sì… pure con la lavatrice!) e fanno in modo che tu non possa goderti quello sprazzo di relax che vorresti concederti.

 

Non sai come… ma una cosa è certa… salta tutto e la tua bella serata di relax davanti allo schermo è rovinata. E non perché salta la corrente. Il tuo programma salta per… per colpa dell’ammorbidente!

 

Pazzesco vero?
Una stupida… stupidissima bottiglia che ti rovina la mega serata di svago. Perché non te la meriti forse la tua serata di svago? Non ne hai forse diritto dopo una giornata di lavoro? Che
oggi pure le corse ti è toccato fare a fare la spesa… a prendere il piccolo all’asilo e la grande a danza… hai preparato anche la cena. va bene che erano solo sofficini buttati in padella… ma almeno l’impegno ce lo hai dovuto mettere.

 

E dopo tutto questo non hai neanche diritto a due ore spensierate per goderti una partita in TV?
No… Non ne hai il diritto perché te con tutti i problemi e i pensieri e gli impegni devi pensare pure all’ammorbidente.

 

Come stasera.

calcio in tvNon bastavano quelle malefiche pastiglie anticalcare per la lavastoviglie … No! Il destino ha in serbo per te molto, molto di peggio. Ma te non lo sai ancora , e tranquillo e rilassato sei già davanti all’armadio che cerchi la tuta. Grandi progetti per stasera. Stasera c’è la partita. Quindi ecco il tuo programma semplice-semplice:

 

  • Tuta… per stare più comodo e rilassato
  • Poltrona… per poterti stravaccare i santa pace
  • Partita… speri solo che giochino bene
  • Birrino… per arrivare al massimo della goduria ve del relax

 

Totale relax. Ecco l’unica cosa che vuoi adesso che la tua giornata è finita.  Per tua moglie ancora no perché deve lavare il vestito del piccolo che si è macchiato col lavoretto dell’asilo… poi la felpa della grande che ci è colato il ripieno dei sofficini… va lavata e smacchiata altrimenti rimane l’alone, e quindi deve caricare la lavatrice.

 

I bambini guardano i cartoni in cameretta, anzi tra un po’ devono pure spegnere  la TV e andare a dormire. Domani c’è la scuola e c’è l’asilo e devono dormire che se non si riposano poi non affrontano bene la giornata.

 

Sì, sì… Devono dormire… Devono riposare… Macché! Devono solo fare silenzio che tra poco inizia la partita! Ti infili la tuta e vai in salotto. Sposti la poltrona davanti alla TV. Ti lasci cadere sui cuscini soffici… e già le squadre entrano in campo. Metti le gambe sul poggiapiedi e fai un lungo sospiro di soddisfazione.

 

“Ahhhh finalmente un po’ di pace” Che nessuno osi disturbarti! Ti senti in pace con il mondo e ti senti il RE della casa… che si gode il suo meritato riposo.

 

Lancio della moneta…  e tu nel frattempo ti sistemi il cuscino dietro alla testa. Scelta del campo… butti giù un sorso di birra. Ma il silenzio e la perfezione del momento si squarcia in un attimo…
“Senti…” dice una voce lontana anzi lontanissima…

 

Ma te non ci fai caso e continui a guardare lo schermo.
“Senti ma…”

 

No. Niente ma. Te non senti. Te non senti un bel nulla.
Vuoi solo sentire e vedere la partita, il resto del mondo può anche andare affanculo in questo momento.

 

“Senti ma… lo hai preso l’ammorbidente?”

 

Oh -oh. Il resto del mondo forse sì… ma non lei. La voce di tua moglie. Dalla terrazza.

“Te hai preso cosa? L’ammorbidente ..? Boh..!” Non hai voglia di pensare all’ammorbidente. Chi pensa all’ammorbidente con i giocatori in campo?

Calcio d’inizio. La partita è cominciata, i calciatori si passano la palla, la palla… la palla… Dove è la palla?
Tua moglie ti si piazza davanti allo schermo.

 

“Dove hai messo l’ammorbidente?” Chiede di nuovo. Non vuoi pensare all’ammorbidente. Vuoi pensare alla partita. E sposti la testa di lato cercando di vedere qualcosa sullo schermo. Ma anche lei si sposta… lo sa che cerchi di ignorarla, lei lo sa… ma VUOLE la tua attenzione… e la vuole ADESSO. Ma tu non demordi.. eh no che cazzo! Sempre seduto le fai in cenno con la mano. “Per favore spostati.”

 

Ma non si sposta. Ha in mano dei vestiti e ti guarda.
“Che c’è?” Lo farfugli a bocca spalancata.
E’ tutto quello che hai da dire… e chiaramente non è la cosa giusta.
“Che c’è?” Ti fa eco LEI … “Che c’è?”  sventolandoti sotto il naso la maglia…

 

“C’è che senza ammorbidente io il bucato non lo posso fare.”

 

Ma per favore… pensi tu mentre cerchi di guardare la TV spostandoti da un lato all’altro… poi annuisci, come per dire “Sì…hai ragione.” Forse se le dai ragione magari si accontenta e magari ti fa vedere la partita. Magari sì… ma magari ti sbagli!

 

“Come faccio io senza l’ammorbidente? Eh… eh?” sbraita.
“Voglio proprio sapere come faccio senza l’ammorbidente. Forza dimmelo tu come faccio? Come faccio eh? Dimmelo su!”

 

Rispondi  la prima cosa che ti passa per la testa, ma già mentre la pronunci sai che è la cosa sbagliata da dire in questo momento… ma te ne freghi altamente.
“Non fai la lavatrice, la farai domani.” E cerchi pure di fare un sorriso. E intanto dai un occhio allo schermo. Sono ancora zero a zero. Per fortuna!

 

gonna verde“Non la posso fare domani perché domani sono fuori tutto il giorno perciò io la devo fare stasera perché devo lavare anche la gonna verde che sennò non asciuga!”

 

Dentro di te pensi che te ne sbatti se la gonna verde non asciuga.
Ha l’armadio pieno di gonne, pantaloni da poter vestire otto donne contemporaneamente e dice che non ha mai nulla da mettersi.

 

Tu da uomo hai già pronta la soluzione… una soluzione semplice e matematica:

invece della gonna verde può mettere la gonna rossa.

 

 

In fondo che differenza fa? Ma ormai è partita in quinta e mica si spegne o si placa così facilmente quando è incazzata…

 

“Io lo devo fare capito? Lo de-vo fa-re – lo de-vo -fa- re!

 

Noooooo! Pure la divisione in sillabe. Quando inizia a fare così vuole dire solo una cosa. E’ proprio nervosa. Ma te vuoi solo guardare quella cazzo di partita. Non te ne frega una mazza della gonna verde del bucato della lavatrice. E soprattutto non te ne  frega una beata mazza dell’ammorbidente.

 

Sembra che senza ammorbidente il mondo finisce. Certo, l’hanno detto anche a Focus, tra le varie calamità del pianeta ci sono la peste, il colera e l’ammorbidente finito… Ma per piacere! Ti ci scappa anche da ridere.

 

E con un mezzo ghigno, senza pensarci dici “Vorrà dire che stavolta fai la lavatrice senza l’ammorbidente.” E torni a guardare la TV. Caso risolto. Chiuso. Posso guardare adesso?

 

Sono ancora zero a zero ma… aspetta c’è un’azione nell’area degli avversari… Che sia la volta buona che segnano? Ma la tua frase ha acceso la miccia. Ti sei appena fatto autogol.

“Ma scherzi? No dico stai scherzando? E io… io devo fare il bucato senza ammorbidente? Ma se te sei il primo che si lamenta che gli asciugamani sono duri. Proprio te che se senti grattare quando ti asciughi il culetto frigni come una ragazzina? E che devo fare?  Eh? Come faccio a  asciugare il piccino con l ‘accappatoio che sembra carta vetrata? Ha la pelle delicata lui… Che poi sente prudere e piange e si agita.”

 

“ Ma tanto te che ne sai” rincara tua moglie “Che ne sai… tanto mica ci vai te da lui. Neanche lo senti te… sono io! Sono io, che mi alzo la notte!”
Ci va giù pesante. E te non te lo meriti di essere trattato così.
In fondo hai solo dimenticato una stupida, stupida, stupidissima… fottuta bottiglia di ammorbidente! Ti sei ricordato le pasticche per la lavatrice… ma l’ammorbidente ti è passato di mente… e che cavolo! Ecco sì, questo va detto… quindi la guardi e le dici
“Ho preso le pastiglie per la lavastoviglie, però! E ora Calmati!”

 

Sei stato bravo. Ti sei ricordato delle pastiglie. Mica puoi fare tutto te. Hai preso i figli, hai preparato la cena. Hai dimenticato qualcosa? Capita… mica sei perfetto.
Tutta La Verità Sul Calcare

 

Nessuno è perfetto.
Ci sono tanti mariti che mica ci vanno a prendere i bambini a scuola.
Ci sono tanti mariti che mica la fanno la spesa.
Invece te sei in gamba.
Sei un bravo marito, sei un bravo papà. Sei uno che ci tiene alla famiglia. E ti dispiace che  tua moglie si è arrabbiata. Perché lei è davvero arrabbiata. Infatti mica ha finito:

 

“E’ vero, hai preso l’anticalcare per la lavastoviglie, ma non basta! Lo capisci che non basta!? Il calcare c’è anche nella lavatrice, cosa  credi? Che va solo da una parte? Ci va anche nella lavatrice… Certo che Ci va! E senza ammorbidente con tutto il calcare che c’è in casa i panni si rovinano!”

 

sbattere la portaRiprende fiato… ma poi rincara la dose.
“Gli asciugamani diventano duri senza l’ammorbidente. I vestiti si rovinano prima… senza ammorbidente… e io sono senza la gonna verde!” E sbatte la porta del salotto.

 

 

 

 

 

 

Boom!!!

 

 

Una botta terribile. Poi il silenzio. Per un attimo sei tentato di correre dietro di lei per fare… ? Cosa? Boh? Litigare ancora? Fare pace? Non lo sai neppure tu!

 

Ma lo sguardo ti cade sullo schermo della partita. Uno a zero. Bene! La tua squadra è in vantaggio!
Ti siedi di nuovo sulla poltrona. “Le passerà” pensi. C’è silenzio finalmente. Ci pensi dopo a fare guerra … o a fare pace… a fare qualcosa insomma!

 

Ora vuoi soltanto vedere la partita. Anche se oramai in pratica manca poco alla fine del primo tempo. Allunghi le gambe sul poggiapiedi, sistemi il cuscino dietro la testa e ti concentri sul gioco, segui i passaggi, lo schema di gioco. Certo che stasera giocano proprio bene. Bella partita. O-oh-oh … Ma vai!  Vai… Vai che sta per segnare un altro gol Vai, vai VAI…!

 

Ti alzi di scatto, pronto a festeggiare per il Gol… ma senti qualcosa che ti si aggrappa alle gambe.
I bambini? Ma non erano a letto? Nooo questo è un incubo!
Ma che ci fanno svegli? E glielo chiedi “Ma che ci fare svegli a quest’ora?”. Con un occhio guardi lo schermo e con l’altro guardi loro.
La bimba grande ti fa una domanda. Semplice e schietta. Disarmante. Come solo i bambini sanno fare.

 

“Te vuoi divorziare dalla mamma vero?” 

 

E ti guarda tutta seria. Non riesci a credere alle tue orecchie. Tu cosa???
“Tesoro…  Ma che dici! Ehi…” Nel frattempo il piccolo ha fatto già gli occhi lucidi e due grossi lacrimoni gli cadono sulle guance.
“Abbiamo sentito te e la mamma che litigate. E se te e la mamma litigate fate come nei film che non vi volete più bene e divorziate. E a noi ci tocca stare sei mesi con mamma e sei mesi col babbo. Io non voglio stare sei mesi con mamma e basta. Io voglio anche te. Che mamma mi da mangiare pure gli spinaci.” E intanto tira su col naso!

 

Che cosa? Da dove vengono fuori queste idee?
“Amore, te guardi troppa televisione” Sì… guarda troppa televisione lei… Mentre invece te… Non sei neanche capace di guardare una partita di calcio!!!
Ma non ti piacerebbe davvero non dover pensare più agli anticalcare, agli ammorbidenti … e a tutte queste menate?

 

Non sarebbe bello aver un solo unico prodotto che funziona e che non finisce e che non ti devi ricordare di comprare ogni volta?

 

Perché se davvero esistesse un prodotto simile te lo prenderesti subito!
Se esistesse in solo e unico prodotto che elimina il calcare ora:

 

  • Tua moglie sarebbe felicissima e ti considererebbe l’uomo migliore del mondo
  •  I tuoi figli sarebbero in camera loro a fare sogni felici e sereni
  • Te saresti in poltrona a guardarti la partita e tutte le partite che vuoi quando vuoi senza problemi!

 

Questa è la vita che meriti! Questa è la serenità che ti meriti e che la tua famiglia merita.
Pensaci! Potresti essere l’uomo più felice del mondo, invece:

 

  • Tua moglie è arrabbiata e di certo non le passerà facilmente
  • Tua figlia grande è convinta che stai per divorziare
  • Tuo figlio piccolo piange attaccato alle tua gambe
  • Te non hai visto neanche dieci minuti della partita che aspettavi a gloria da giorni

 

Se vuoi davvero fare qualcosa di concreto devi farlo subito e devi farlo adesso, non aspettare neanche in minuto. Scopri come riprendere in mano la tua vita.

Comincia da qui… scarica la guida. Segnalo tu il gol contro il calcare.

Scarica gratuitamente…
“Tutta La Verità Sul Calcare”
clicca qui

Tutta_la_verita_parte1

Un saluto…

Save Your Mind, Castiel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Vuoi Sapere Tutto Sul Calcare?

SCARICA GRATUITAMENTE
TUTTA LA VERITA' SUL CALCARE

Tutto Quello che non Vogliono Farti Conoscere sul Trattamento dell'ACQUA
Powered by Autience